Chi Siamo

IT DIFESA

A difesa dei principi inviolabili

It Difesa, è un ente costituito a difesa dei principi inviolabili, per la promozione dei valori costituzionali e a difesa della Nostra Nazione. L’associazione nazionale, è presieduta dalla giornalista professionista Katia La Rosa.

L’ente, in linea con il proprio statuto ha fondato il progetto #italiainunabbraccio e redatto il primo manifesto della Pace “Salvator Mundi”.

Il documento nazionale è stato sottoscritto dal consiglio direttivo : Prof Riccardo Valentini, Premio Nobel per la Pace, Paolo Petrecca direttore Rai News, Roberto Boella, Amministratore Delegato La Presse, Angelo Vesto Tenente colonello.

IL FONDATORE

Katia La Rosa

Giornalista professionista, ha conseguito la Laurea con lode. Presidente dell’associazione IT Difesa, negli anni, ha lavorato per il Senato della Repubblica, nel settore della comunicazione istituzionale e gestito l’Ufficio Valutazione Impatto (UVI), per misurare gli effetti prodotti dalla politica pubblica.

Attualmente è anche componente del Consiglio di Amministrazione del gruppo quotato Olidata, azienda di information tecnology. Nel settore giornalistico collabora anche con la rivista dello Stato Maggiore di Difesa. Nel suo percorso professionale ha ricoperto ruoli manageriali nella direzione strategica di comunicazione e marketing di aziende pubbliche e quotate in borsa. La sua carriera è anche rivolta al mondo accademico, dove svolge il ruolo di docente a contratto di “teoria e tecnica della comunicazione di massa” e “sociologia generale” in atenei E- Learning. E’ anche autore del libro “Il codice del canone inverso” edito da guida editore, con prefazione del prof. Riccardo Valentini, premio Nobel per la pace. Di grande impatto anche le sue analisi, (ispirate dalle moderne neuroscienze), sull’integrazione delle varie forme di comunicazione, come veicolo privilegiato della propria forza di persuasione.

Ha lanciato l’idea di una dottrina sociale che rivaluti il concetto universale di “eccellenza” che ne faccia i cardini del Made in Italy, come elemento chiave per il traino dell’economia del nostro Paese. Seguace dei testi di filosofia del linguaggio di Ludwig Von Wittgenstein, ha applicato le sue teorie all’efficacia dei messaggi nei diversi settori. È fondatore della testata giornalistica “corriere del made in Italy”. Negli anni è stata insignita di premi alla carriera.

Nell’ambito della sostenibilità ha ottenuto il premio Basile, conseguito all’Università degli Studi di Bologna per il progetto “Ambiente e Legalità” ed è stata insignita in parlamento con il premio alla carriera per: “l’impegno che ha contraddistinto la sua carriera, brillante professionista che da sempre contribuisce alla diffusione ed allo sviluppo della comunicazione Istituzionale in Italia e in Europa. Non ultimo le è stato assegnato un riconoscimento dalla Polizia di Stato, sezione Criminal Pol per la professionalità e senso del dovere ”.

Il Consiglio Direttivo – Prof. Riccardo Valentini (Premio Nobel per la Pace), Paolo Petrecca (Direttore Rai News), Roberto Boella (Amministratore Delegato La Presse), Angelo Vesto (Tenente Colonello), Marco Nereo Rotelli, Massimo Sansavini.

IL PROGETTO

Recuperare la forza collettiva di un popolo che stingendosi in un abbraccio solidale, recuperi l’identità storica della Nazione.

L’Italia si stringe in un abbraccio. Arte, tecnologia e comunicazione si uniscono per valorizzare il patrimonio artistico culturale italiano. Sono state realizzate diverse installazioni, a cui è collegato un messaggio di pace e la visualizzazione delle opere degli artisti (Tommaso Cascella, Massimo Sansavini, Andrea Pacioni, Marco Nereo Rotelli) scaricabili con la tecnologia QR Code. La prima struttura è stata inaugurata a bordo dell’Amerigo Vespucci, che ha lanciato il messaggio: “ama, dona e perdona”. È proprio nel concetto di “unione”, che nasce il senso più profondo di una comunità, che si sublima con il gesto di solidarietà di tutto un popolo. L’eccellenza artistica- culturale rappresenta dunque l’antidoto per ricostruire l’Italia del domani. Ancora una volta, il genio creativo di insigni maestri italiani, abbraccia un popolo e lo esalta con la forza dell’arte che libera la volontà di una Nazione di continuare ad essere la protagonista della storia. L’obiettivo è recuperare la forza collettiva di un popolo che stingendosi in un abbraccio solidale, recuperi l’identità storica della Nazione. È nostro compito oggi dare un’identità alla speranza, tracciare una linea, raccontare la storia per ritrovare un nuovo spazio umano.

IL MESSAGGIO DI PACE

Uniti insieme costruiremo un mondo di Pace.

La pace deve essere un cammino di speranza, dialogo, riconciliazione, e conversione ecologia. La nostra comunità umana porta, nella memoria ed inciso sulla carne, i segni delle guerre e dei conflitti in essere e che si sono succeduti, con crescente capacità distruttiva, e che non cessano di colpire specialmente i più poveri e i più deboli. Tutta l’umanità, oggi aspira alla Pace. Dobbiamo perseguire una reale fratellanza, basata sulla comune origine da Dio ed esercitata nel dialogo e nella fiducia reciproca. Il desiderio di pace è profondamente inscritto nel cuore dell’uomo e non dobbiamo rassegnarci a nulla.

Il mondo ha bisogno di testimoni convinti, di artigiani della pace aperti al dialogo. Uniti insieme costruiremo un mondo di Pace.

Nei principali luoghi di interesse posizioneremo le installazioni (mettere grafiche di marco con le ali ed il cuore) per unire tutta l’Italia in un messaggio di pace.

MISSION

L’arte è medicina, perché la bellezza salverà il mondo. Nella costruzione di un nuovo risorgimento Italiano, sono state scelte delle opere create con diverse tecniche (dalla scultura alla fotografia) per celebrare un inno alla vita, quale simbolo di rinascita e di integrazione sociale.

All’arte è stata affiancata anche la cultura per unire parole alle opere. Per il progetto sono stata redatte una serie di poesie\preghiere per infondere la fede nel cuore umano.

Il progetto intende implementare attraverso l’integrazione delle tecnologie, gli ingressi nei luoghi di cultura, le attività didattiche, e promuovere gli eventi di interesse internazionale. “Italia in un abbraccio”, dunque, rappresenta anche un elemento attrattore per il comparto turistico di prossimità.

Le opere simboleggiano lo spirito italiano, che sa fondere memoria e cultura, nell’ottica dello sviluppo economico, sociale, e culturale. L’iniziativa sarà divulgata a livello europeo per unire i popoli in una rete di filantropia.

VISION

#italiainunabbraccio diventerà lo slogan della rinascita, di un Paese che ha sempre combattuto con onore tutte le sue battaglie. Sarà anche il simbolo di tutti quegli italiani, che continuano a lottare per il bene della Nazione. Sarà la creazione di un nuovo modo di comunicare, in cui il sentimento e la bellezza di ogni forma d’arte, sarà la matrice di tutto. Sarà e rappresenterà il sogno italiano! Oggi, serve unità, solidarietà autentica, mobilitazione e coesione nazionale. Un patriottismo sociale, capace di abbracciare, l’umanità.

E’ il momento di ripartire e di guardare avanti. Insieme, uniti nei valori, celebreremo l’umanità. Oggi siamo qui per far rivivere lo spirito eroico del popolo italiano, scrivendo insieme un’altra pagina della storia d’Italia